Carrot cake

carrotcake3

 

 

 

L’altra mattina mentre ero comodamente seduta sul divano a guardare masterchef Australia (l’unico masterchef che ha ancora un integrità morale) sono stata catturata da una deliziosa, o almeno così sembrava, torta di carote. Così ho deciso di mettermi a lavoro e prepararne una mia versione. Purtroppo non sono riuscita a fotografarla per intero, o per lo meno non ho avuto il tempo, considerando che ne è stata mangiata metà quasi subito.

Eccovi la ricetta. Io ci ho aggiunto di mia iniziativa la farina di mandorle, a chi non piacesse può sostituirla con farina integrale.

 

Ingredienti

 

450 gr di carote

200 gr di farina

150 gr di farina di mandorle o integrale

2 cucchiaini di lievito in polvere

400 gr di zucchero

1 cucchiaino raso di cannella

1 cucchiaino raso di zenzero in polvere

1 cucchiaino di fiori di garofano in polvere (opzionale)

3 uova

250 gr di olio di semi

1 vasetto di yogurt 

semi di mezza bacca di vaniglia

 

Per la glassa

450 gr di formaggio cremoso

250 gr di burro ammorbidito

250 gr di zucchero a velo

mezza bacca di vaniglia

 

Iniziate riscaldando il forno a 180°C, imburrando e infarinando due teglie dal diametro di 22 cm. 

Grattate le carote e aggiungetevi, l’olio, le uova, lo yogurt, e la vaniglia. In un altro recipiente mescolate le farine, lo zucchero, le spezie, il lievito. Unite il composto di farine al composto di carote e amalgamate fino ad ottenere un composto liscio. Versate nei due stampi e cuocete per circa 20/30 minuti a forno statico. 

Preparate la crema di burro montando bene burro e zucchero a velo, aggiungendo poi la vaniglia e il formaggio.

Una volta freddate le torte potete creare i due strati e decorare a piacere.

 

Bon apetit!

cake

 

 

Speghetti dallo spirito nazionalista

pesto di rucola

Ingredienti

500 gr di pomodori pachino

350 gr di spaghetti

un mazzetto di rucola

pecorino (un cucchiaino)

parmigiano (un cucchiaino)

olio evo

zucchero di canna grezzo

sale

Accedendete il forno a 250°C. Lavate i pomodorini e posateli in una pirofila da forno interi. Oliate, salate e spolverate con dello cucchero di canna grezzo. Infornate per circa 15 minuti, fino a che non si caramellano.

Nel frattempo lavate la rucola e frullatela con parmigiano, pecorino e olio fino a coprire.

Cuocete la pasta e conditela con i pomodorini e il pesto.

Servite e Bon Apetit!

Polpette di spinaci e…

 

 

Per la seconda ricetta per Voglia di orto in tavola, cucino Polpette di spinaci con ripieno di formaggio ai fermenti lattici e salsa al burro e vino bianco.

Ingredienti:

Spinaci  500 gr

Uova 2

Pane duro grattato

Pecorino 100 gr

Formaggio ai fermenti 100 gr

Burro

Noci qualcuna

Vino

olio

sale e pepe

 

Iniziate sbollentando gli spinaci, scolateli e frullateli, aggiungete pane grattato, pecorino, uova e amalgamare. Se il composto risulta morbido aggiugere altro pane. Formare dei dischi dove al centro metterete un pezzetto di formaggio. Richiudere formando una polpetta abbastanza grossa.

Sbollentare per qualche minuto, nel contempo scaldare del burro e dell’olio, scolare le polpette e friggerle finchè non sono dorate. rimuovere le polpette e versare del vino bianco nel sughetto rimanente, aspettare che si addensi e versarlo sopra le polpette. Servire con qualche noce sbriciolata.

Bon Apetit!

 

spinaci polpette

 

Palline con doppia salsa

pallee

 

 

Oggi vi presento una delle due ricette con la quale partecipo al concorso #Voglia di #ortointavola. Queste sono palline di pasta con stracchino e noci, in due salse di peperoni, e spinaci.

La ricetta è davvero molto veloce, e la spesa totale è stata di 6 euro, quindi MOLTO economica. Me soddisfatta.

 

Ingredienti:

Stracchino 150 gr

Parmigiano 100 gr

Peperoni 1

Spinaci 100 gr

Panna da cucina 100 ml

Noci 5

Olio,burro, rosmarino, sale e pepe

Per la pasta:

Farina 00 gr 200

acqua

Preparare la pasta con acqua e farina 00. Fare una pallina e lasciarla riposare almeno mezz’ora. Preparare le due salse tagliando i peperoni e la cipolla a fette molto sottili, soffriggere in olio evo e aggiungere un bicchiere di acqua, lasciar cuocere fino a che l’acqua non si sarà ritirata. Frullare e rimettere sul fuoco con la panna. Lasciar addensare e spaegnere. Per la salsa agli spinaci, sbollentate gli spinaci se sono freschi o soffriggere cinque cubetti se sono congelati. Una volta cotti frullate con sale pepe olio evo.

Una volta finite le salse,preparae il ripieno tritando le noci, e unendole al parmigiano e allo stracchino. Stendere la pasta molto sottile posizionare una pallina di ripieno e chiudere la pasta.

Bollire per 5 minuti, e passare in olio bollente per creare una crosticina.

Servire separatamente dalle salse, in modo che ognuno possa scegliere come condire

Bon Apetit!

 

 

Ricette in una sola pentola #1

Se non avete tempo, voglia e testa per passare mezz’ora a ripulire una montagna di piatti, e non avete alcuna voglia di panini, ecco una ricetta tutta in una sola pentola gustosa veloce e poco impegnativa.Sempre in versione leggera:

Risotto peperoni, tonno e curry

risotto

 

Tempo impiegato: 20 minuti

 

Ingredienti

 

200 gr di riso roma

1 peperone giallo o rosso

2 scatolette di tonno sott’olio

un dado vegetale

mezza cipolla a dadini

acqua q.b

1 cucchiaino di curry

 

 

Tagliare la cipolla e i peperoni a pezzi piccoli, mettere in una pentola insieme al tonno in scatola senza soffriggere a lungo. Per evitare che si soffrigga troppo, aggiungere un pò di acqua fino a che i peperoni non si ammorbidiscono. Buttare il riso e lasciar tostare, aggiungere un dado e dell’acqua fino a coprire e lasciar ritirare. Aggiungerne altra fino a che non sarà cotto del tutto il riso, aggiungere il curry. Volendo potete saltarlo con una nocetta di burro ma niente parmigiano!

 

Bon apetit!

 

Dolce si, ma senza rimpianti.

In questo periodo di soffertissima dieta e di ristrettezze finanziarie, stavo quasi abbandonando il mio blog. Inoltre pochi giorni fa, indecisa tra mandare al quel paese tutte le sudate in palestra e le ore passate a grigliare verdure, e mangiarmi un krapfen alla nutella o rimanere nel mio stato di astinenza glicemica, ho deciso di prepararmi un dolce senza uova, senza burro e (volendo) anche senza latte.

E’ una ricetta semplicissima, ma buonissima, gustosa, umida e soffice.

cake1

 

Piccoli plumcake allo yogurt al cocco, senza uova ne burro

 

Un vasetto di yogurt al cocco

Tre vasetti di farina 00

Un vasetto di olio di semi

Quattro cucchiai di zucchero

Un vasetto di latte

1 bustina di lievito

 

Amalgamare tutti gli ingredienti insieme, fino ad ottenere un impasto cremoso. Porre in una teglia, evitando che l’impasto superi il centimetro di spessore. Cuocere in forno a 180°C per 20/30 minuti. Controllate ogni tanto perchè ogni forno ha le sue tempistiche. Spolverare con tanto zucchero!

Bon apetit

cake3

cake4

Italian Pesto

 

pesto e spaghettii

 

Pesto is a typical dish from Liguria, Italy. It consist in a mix of basil, pine nuts, parmigiano cheese, pecorino cheese, garlic and olive oil. It is amazing with spaghetti, bavettine or linguine.

 

pestoo

 

Recipe for 2-

50 gr basil

40 gr pine nuts

1 tablespoon of parmigiano cheese

2 tablespoon of pecorino cheese

2 clove of garlic

100 ml of olive oil

200 gr spaghetti or bavette

 

If you have it’ s better to use a pestle, it’s much difficult and maybe it could make you sweat but it’s definitely rewarding! If you have not, or you have not enough time, just use a mixer. Not so bad.

In any case it is delicious.

 

When it’s done you can conserve in freezer.

For pasta you need to boil and dress with pesto and eventually with olive oil.

Bon apetit!

 

#cibartiexpo2014 a Lecce

Per chi non la conoscesse cibarti expo è una fiera annuale, di prodotti enogastronomici tipici http://www.cibartiexpo.it/


 

 

Eccomi qui, sfinita, dopo aver passato tutto il giorno girovagando di bancarella in bancarella. Io e il mio portafoglio ne siamo usciti distrutti, ma soddisfatti. Le cose da vedere e da assaggiare erano davvero tantissime. Adoro queste fiere non solo perchè danno la possibilità di acquistare prodotti gastronomici che possono essere chiamati tali, sia perchè, e questo è meno nobile, posso assaggiare tutto! Eh si non mi sono fatta scappare quasi niente. Tuttavia non potevo davvero comprare tutto, i miei acquisti sono stati limitati dalla scarsissima liquidità. Ma per quanto mi riguarda ho scelto il meglio. Ricapitolando, paninazzo con porchetta stile street food all’italiana, mozzarella di bufala campana e ricottine con panna di bufala, olio extravergine biologico, della birra artigianale rossa doppio malto, dei dolci abruzzesi, arrosticini, taralli ai cereali e radici di liquirizia. Vi lascio qui sul blog oltre che le foto anche alcuni link per vedere i siti web delle aziende se volete dare un occhiata.

 

Questi erano i prodotti di canapa, pasta biscotti, pane e olio. Io li trovo buonissimi, oltre ad essere prodotti sani e a km zero. Incrementiamo la produzione di prodotti naturali http://www.canapalucana.it/

Loro invece sono gli stand che per quanto mi riguarda più meritano, per cui vi linko i rispettivi web site se volete fare un salto.

Birre artigianali, buonissime prodotte da niente poco di meno che Amaurys Perez, campione di pallanuoto http://www.birrazion.com

Olio extravergine dop e biologico

Vi lascio ad una carrellata di foto varie di quelle che fanno male alle diete.

Questa invece sono io e le mie scorpacciate